Manifesto

Finalmente parliamo della nostra passione, finalmente parliamo di lavoro, finalmente parliamo di futuro.

Questo è il manifesto del primo Festival dedicato a “Le professioni del futuro”. Per decenni, forse per secoli, sicuramente da quando l’uomo è entrato nelle fabbriche e poi negli uffici, specializzando sempre più il proprio lavoro, noi tutti abbiamo girato intorno al nocciolo della questione, dividendo forzatamente la creatività dall’economia, l’innovazione dall’industria e, cosa ancor più deleteria, la passione dal lavoro.

Abbiamo fatto tutto questo sensatamente in nome dell’efficenza.
Ma l’uomo non vive solo di efficienza.

Questo manifesto intende dunque affermare che:

1. Il lavoro deve essere passione

2. La passione deve essere lavoro

3. Non ci sono altri modelli possibili

 Parliamo di rinascimento, di umanesimo applicato al lavoro. E dunque questo Festival promuoverà tutte quelle forme di atteggiamento, di passione e di talento che diventano una finestra per osservare il futuro: il movimento dei makers, la diffusione dei FabLab, il successo dei contadini urbani, i professori online, i piloti di droni, i social media manager sono solo alcuni degli esempi che ci mostrano come il mondo del lavoro e della professionalità stia cambiando velocemente. Non cambiano solo le professioni ma anche i luoghi del lavoro, i tempi e gli strumenti. Il Festival darà spazio a questi talenti e queste professioni, ma anche al confronto, al pensiero, alla critica e soprattutto metterà in contatto il mondo dei giovani e del grande pubblico con queste nuove realtà emergenti. Filosofi, sociologi, scrittori, aziende, studenti, professori, nuovi artigiani, progettisti, professionisti e grande pubblico si troveranno a dividere un piattaforma da cui osservare e discutere del loro futuro.

Gold Sponsor

tim

Media Partner

wired_02
smemo_02
scuola_ok

Patrocini

MINISTERO LOGO
pc_cdc_ml_B_pos_PMS_3_1
provinciaPc_logo
logoComune